Comitato Organizzatore

Stemma Comune Penne
Amministrazione Comunale di Penne
Assessorato alla Cultura Comune di Penne



Il Premio Nazionale di Narrativa "Città di Penne" è nato nel 1979 su idea del prof. Igino Creati, che ne è stato il Segretario Generale fino al 28 maggio 2013. A lui è subentrato il prof. Antonio Sorella che ricopre la carica di Direttore Scientifico del Comitato Organizzatore del Premio "Città di Penne".

Il Presidente della Giuria tecnica, che conta professori universitari, specialisti della letteratura italiana, è il prof. Michele Mirabella.
La caratteristica del Premio, che si distingue quindi nel panorama delle manifestazioni culturali italiane e straniere, è quella di avere le giurie popolari (600 membri): 200 studenti del triennio delle Scuole medie superiori di Penne, 100 cittadini di Penne e dei paesi dell'area vestina scelti tra le varie categorie sociali, 100 tra studenti e cittadini di Capoluoghi abruzzesi e 200 studenti universitari, compresa la D’Annunzio di Chieti, di diverse Capitali europee: a tali membri vengono distribuiti i libri finalisti acquistati dal Comitato Organizzatore del Premio "Città di Penne".

Il Premio si rivolge innanzi tutto alle centinaia di studenti delle scuole superiori dell’area Vestina, che in tutte le edizioni hanno sempre ricevuto in omaggio i tre volumi finalisti, li hanno letti sotto la guida attenta e critica dei loro docenti di italiano e infine hanno espresso il loro voto per uno di essi.
Scopo principale degli organizzatori è sempre stato quello di stimolare i giovani alla lettura, considerando la cultura un patrimonio di straordinario valore sociale. In un paese che, secondo i dati Eustat, è agli ultimi posti nelle graduatorie dei paesi che leggono più libri in un anno, il Premio ha svolto per 36 anni un ruolo determinante nell’incentivazione alla lettura, in collaborazione con le scuole di Penne, dell’area Vestina, e di tutto l’Abruzzo, poiché negli ultimi dieci anni sono stati accolti nella giuria popolare anche studenti di altri centri, quali L’Aquila, Lanciano e Pescara.
Inoltre, sempre da un decennio, il Premio si è andato internazionalizzando, accogliendo nella giuria popolare anche docenti e studenti di Italianistica di università straniere, quali Craiova (Romania), Bratislava e Nitra (Slovacchia), Brno (Rep. Ceca), Birmingham (UK), Stoccarda (Germania), New York (USA). Ciò ha contribuito e continua a contribuire alla diffusione del libro italiano nel mondo, oltre a portare all’estero l’immagine dell’Abruzzo, come regione di arte, cultura e natura protetta.
Nelle varie sezioni di concorso del Premio negli anni hanno concorso e vinto alcuni tra i più grandi narratori e poeti italiani e alle varie fasi hanno partecipato come inviati speciali alcuni giornalisti delle diverse testate radiofoniche e televisive, dei quotidiani e delle riviste locali e nazionali, con ampi e dettagliati servizi e corrispondenze.

Nel 1996 il Ministero di Pubblica Istruzione ha fatto diventare il Premio progetto pilota in italia per la sensibilizzazione alla lettura del libro nelle scuole, riconoscendo così l'attività meritoria finora svolta della manifestazione vestina.

Su richiesta ufficiale del Governo Russo dal 1996 è stata istituita a Mosca un'edizione del Premio di narrativa gemello rispetto a quello di Penne, siglando anche un protocollo d’intesa in data 27.03.1996, con una Giuria tecnica moscovita presieduta dal Ministro della Cultura della Federazione Russa Evgheny Sidorov e con una Giuria popolare costituita pure da quattrocento membri.
Ogni anno una delegazione russa si reca a Penne in occasione della cerimonia di premiazione, compreso anche quest’anno ed una delegazione italiana, a sua volta si è recata a Mosca il 22 novembre u.s. per partecipare al premio gemello a Mosca.

Nel 2001 il Comitato Organizzatore del Premio Penne ha ricevuto dal Ministero dei Beni Culturali il primo premio di 50.000.000 di lire come la più interessante iniziativa culturale in Italia a favore della diffusione della lettura del libro di poesia (oltre trecento erano gli Enti pubblici e Associazioni private concorrenti).
Il Premio "Città di Penne" ha conquistato ormai un suo spazio di rilievo nel panorama delle iniziative culturali italiane e straniere e, per la sua particolare formula, il Consiglio Regionale d’Abruzzo, su proposta del Presidente Nazario Pagano e del Consigliere Ricardo Chiavaroli, nella seduta del 22 gennaio 2013 ha promulgato, a unanimità di voti una Legge speciale (n. 05 del 04/02/2013) a favore del Concorso Letterario Internazionale “Città di Penne – Mosca”, di cui sono stati riconosciuti l’alto valore culturale e sociale e la promozione della migliore immagine di Penne e dell’Area Vestina in Abruzzo, in Italia e nel mondo.

Si precisa che nella storia del Premio, giunto ormai alla sua trentaseiesima edizione, sono da segnalare trenta convegni internazionali, gli ultimi dei quali hanno avuto come tema la figura e l’opera di alcuni tra i maggiori scrittori di ogni tempo (alternando uno scrittore italiano e uno straniero).
Spesso questi convegni hanno avuto come coordinatori scientifici i docenti dell’Università “G. D’Annunzio”. Tra gli autori sui quali si sono realizzati i convegni suddetti ci sono: Dante, Shakespeare, Pirandello Dolstojevskj, Leopardi, Saramago, Luzi, Solgenitzin, Eco, Grass, Magris, Kertèsz, Consolo, Toni Morrison, Alberto Bevilacqua, David Grossman.

Il Premio "Città di Penne" ha dedicato l’edizione 2014 al cinema, nell'anno dell'Oscar al film italiano "La grande bellezza" di Sorrentino. I finalisti vincitori, presenti a Penne il 20 settembre, giorno della premiazione, in concorso sono stati:
- Enrico Vanzina con "Il gigante sfregiato"- Newton Compton;
- Ottavia Monicelli con "Guai ai baci" – Sperling & Kupfer;
- Lina Wertmuller con "Tutto a posto e niente in ordine"- Mondadori.

E’stato il regista Enrico Vanzina, nell'insolito ruolo di scrittore di gialli ad aggiudicarsi la XXXVI edizione del Premio. Il 25 ottobre il Comitato ha partecipato a Brno all’evento “Editoria digitale e letteratura italiana: biblioteca, scuola, università” organizzato in occasione della settimana della lingua italiana 2014, con il patrocinio del Ministero degli Esteri.
Infine, il 20 novembre una delegazione italiana, composta dal direttore scientifico Antonio Sorella, l’amministratrice Giulia Buccella, la direttrice A.D.S.U. di Chieti e Pescara Teresa Mazzarulli, Ugo Pagliai e Paola Gassman, si è recata, a Mosca per partecipare alla cerimonia finale del Premio gemello "Mosca – Penne".

La cerimonia di premiazione della XXXVII edizione del Premio Internazionale di narrativa "Città di Penne - Mosca" si è svolta il 19 settembre u.s. nel chiostro di San Domenico del palazzo municipale. I finalisti vincitori, presenti a Penne sono stati:
Gianrico Carofiglio con “La regola dell’equilibrio” (Einaudi);
Laura Pariani con “Questo viaggio chiamavamo amore” (Einaudi);
Lidia Ravera con “Gli scaduti” (Bompiani).

È stata la scrittrice Lidia Ravera a conquistare il primo premio dell’edizione appena conclusa.

La vittoria della scrittrice torinese, attuale assessore regionale alla Cultura e alle Politiche giovanili della Regione Lazio, è stata decretata della giuria tecnica, presieduta dai professori Antonio Sorella e Michele Mirabella, e da quattro giurie popolari formate da 200 studenti del triennio delle scuole medie superiori di Penne, 100 cittadini di Penne e dei paesi dell'area vestina, 100 tra studenti e cittadini di capoluoghi abruzzesi e 200 studenti universitari della d’Annunzio di Chieti e di diverse capitali europee.

Lidia Ravera, nata a Torino nel 1951, ha raggiunto la notorietà con il romanzo di esordio Porci con le ali (1976), manifesto della generazione degli anni settanta e vero e proprio libro-culto, oltre due milioni e mezzo di copie vendute, ristampato nei Tascabili Bompiani. La sua attività di scrittrice conta 29 opere di narrativa. Era presente alla cerimonia anche una delegazione russa proveniente da Mosca, città con cui il premio è consorziato dal 1996. E’ stato consegnato ieri anche il premio per la sezione poesia a Davide Rondoni e alla sua raccolta “Si tira avanti solo con lo schianto”. A leggere i brani del libro vincitore e degli altri finalisti due ospiti di eccezione: i comici Vincenzo Olivieri e Marco Papa.

Quest’anno è diventata istituzionale la sezione dedicata agli scrittori "dal cinema" che ha avuto tanto successo l’anno scorso.
Il presidente della giuria tecnica, Enrico Vanzina, vincitore del Premio Nazionale di Narrativa "Città di Penne-Mosca" 2014, con gli altri membri della Giuria tecnica, hanno proclamato il 22 maggio u.s. il vincitore di tale sezione, Carlo Verdone (che era presente), con una lectio magistralis presso l’Università "G. d’Annunzio" di Chieti e Pescara, insieme con Giacomo Manzoli (professore di Storia del Cinema presso l’università Alma Mater di Bologna); lo stesso Vanzina ha consegnato il Premio Penne di quest’anno al vincitore in una cerimonia pubblica che si è tenuta lo stesso 22 maggio p.v. presso il Chiostro di San Domenico a Penne, alle ore 16.00; il 20-21 maggio si è svolto a Chieti, presso il Campus Universitario un Convegno internazionale dantesco, intitolato Ut pictura poesis, in memoria di Corrado Gizzi, fondatore della Casa di Dante in Abruzzo, nell’occasione del 750mo anniversario della nascita del sommo poeta, capace come nessun altro di dominare le parole e le immagini, prima dell’invenzione del cinema.

Da quest’anno è stata istituita la nuova sezione del Premio "Città di Penne" per l’orgoglio abruzzese che è destinata a sottolineare l’importanza delle radici storico-culturali del Premio, nel momento in cui esso aspira alla massima internazionalizzazione.
La Giuria tecnica annovera, fra gli altri, nomi di famosi personaggi del teatro, della televisione e del cinema, come quelli di Nduccio, Vincenzo Olivieri e Marco Papa, per la prima volta insieme per questo grande evento. La giuria tecnica ha individuato nomi di personaggi che si sono distinti nel diffondere nella comunità abruzzese il senso della dignità e del valore profondo delle proprie radici, senza mai cadere nel provincialismo.
Tra i nomi selezionati figurano quelli di protagonisti della ribalta mediatica nel mondo, come il calciatore abruzzese Verratti.
La cerimonia di premiazione avverrà nel mese di aprile 2016, all’Università "G. D’Annunzio" a Chieti ed a Penne.

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per la navigazione, l'autenticazione e per altre funzioni. Utilizzando questo sito, permetti l'installazione di tali cookies sul tuo dispositivo.

Leggi la nostra Informativa sulla Privacy

Hai rifiutato i cookies. Questa decisione può essere cambiata.

Hai permesso che i cookies venissero installati sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere cambiata.